Quando si pensa all’ingresso dei nostri figli a scuola ci si preoccupa che abbiano buoni insegnanti e che si trovino bene con i compagni, ma raramente si pensa al livello di sicurezza e modernità dell’edificio che li ospiterà.
La maggior parte degli edifici scolastici italiani è in stato di abbandono: scarsa manutenzione gestita con mezzi obsoleti, mancanza del rispetto delle nuove norme antisismiche e di sicurezza generale.
Un edificio scolastico costruito in bioedilizia mostra evidenti vantaggi economici ed ecologici, già a chi lo frequenta.
Una scuola realizzata in legno, altre a garantire un elevato livello di sicurezza dello stabile e di tutela nei confronti dei ragazzi che la frequentano, diventa al contempo un luogo di insegnamento di valori fondamentali come la sostenibilità, il risparmio energetico e il rispetto dell’ambiente. Una scuola sostenibile realizzata in legno -materiale solido, sicuro, antisismico, bello e profumato- si differenzia per le sue uniche caratteristiche strutturali (calore degli ambienti, colori riposanti, luminosità, qualità dell’aria,…) che la rendono un posto ideale in cui crescere e imparare: una scuola capace di insegnare attraverso la sua fattura il rispetto per le risorse energetiche e le materie del Pianeta che ci ospita.
La scuola del futuro –ma sarebbe più appropriato dire del presente- è un edificio che diffonde idee e stimoli, modelli e stili di vita che rispondono ad una visione sostenibile ed ecologica: è un edificio in cui rifugiarsi in caso di sisma e non da cui fuggire; è un luogo che produce più energia di quanta ne consumi, realizzato utilizzando materie prime naturali senza inutili o dannosi sprechi.
La scuola svolge un’altissima funzione culturale che diventa di fondamentale importanza nello sviluppo di una civiltà: possiamo decidere di non visitare un museo, ma sui banchi di scuola ci passiamo tutti!